Tutti alla Cannstatter Volksfest a Stoccarda « Capodanno Vienna
logo

Capodanno Vienna

Viaggi capodanno a Vienna dal 29/12 al 02/01



Cannstatter Volksfest

 

La Cannstatter Volksfest di Stoccarda è la gemella dell’Oktoberfest di Monaco, ed è una delle feste nazionali più importanti della Germania. Parteciparci è un must, proprio come essere presenti al concerto della Filarmonica in occasione del capodanno a Vienna.

Cannstatter Volksfest: come si svolge

Il suo programma è quello delle altre feste della birra, così strutturato: parata dei carri della birra, sfilata in costumi tipici, spillatura della prima botte da parte del sindaco durante il giorno di inaugurazione, festeggiamenti a non finire nei vari capannoni, e ovviamente, cerimonia di chiusura.

Tutto il resto del tempo è libero, quindi i presenti possono scegliere se trascorrere le ore nello stesso tendone (occhio a non alzarsi dal tavolo, altrimenti non si può ordinare nessuna consumazione!) o se alternarsi tra i vari stand delle birre. E, perché no, fare un giro su qualche giostra.

Cannstatter Volksfest-Entrata al WasenI boccali di birra, così come i piatti tipici bavaresi e le giostre, sono a pagamento, mentre l’ingresso al Wasen, il parco dove si svolge la Cannstatter Volksfest, è gratuito.

Simbolo di questa manifestazione è la celebre “Colonna della Frutta”, che richiama le origini contadine della kermesse. La festa, infatti, è stata creata a inizio 1800 in seguito al cattivo raccolto che aveva messo in ginocchio l’intera città. Per cercare di svagare gli abitanti, il re aveva istituito questo momento gioioso, che con il passare degli anni – e dei secoli – ha assunto un carattere sempre più internazionale. Sono migliaia i turisti di tutto il mondo, in particolare i birra lovers, che decidono di regalarsi un weekend alla Cannstatter Volksfest, per bere in compagnia.

Così, tra un arrosto di maiale, uno stinco e un piatto di crauti, si bevono litri e litri della bionda più richiesta di sempre, la bevanda al gusto luppolo. E si lasciano generose mance alle cameriere, cosa che è obbligatoria. D’altronde, Paese che vai, usanza che trovi…

Giornalista, blogger e autrice con la passione per il cinema, la lettura e i viaggi. Pubblica articoli dal 2009, da quando ha iniziato a scrivere per giornali e blog italiani e americani, con cui continua a collaborare. Autrice di un libro per il sociale, si occupa di viaggi e promozione culturale, scrivendo di storie, confidenze e tradizioni che profumano di terre lontane. Tra le grandi collaborazioni, quelle con Il Messaggero, l'International New York Times e il Los Angeles Magazine.

Leave a Reply

*

captcha *

[iframe_popup]

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.